Post in evidenza

Siamo un gruppo di appassionati ed esperti di meteorologia e climatologia. Da trent'anni non cessiamo di interrogarci sulle caratteristiche, sui segreti, sulle prospettive del clima della città in cui viviamo, la nostra meravigliosa Foligno.In questo blog potrai leggere i frutti delle nostre ricerche.

Ritratto climatologico dei mesi folignati: Agosto

E' il Gran Re del Solleone. Qui il nostro clima esprime tutta la sua profonda natura continentale. La distanza dal mare, la modesta altitudine, la latitudine già piuttosto meridionale, la posizione racchiusa in una conca fra i monti: tutti ingredienti di una miscela esplosiva! Foligno ha spesso fatto compagnia a Firenze ed a Terni nel …

Ritratto climatologico dei mesi folignati: Luglio

Il mese più caldo e secco dell'anno. La temperatura media massima in Valle Umbra è vicina ai 33°, la minima di circa 17. Chi può tenere le finestre aperte, specie in campagna, riesce a dormire. Gli altri se la passano maluccio. La lontananza dal mare e la posizione "acconcata" della nostra città ne fanno uno …

Primavera 2021: una stagione veramente molto fredda e secca

Sono disponibili da qualche giorno, sul sito del servizio idrografico regionale, i dati del mese di Maggio delle stazioni della rete pubblica. Possiamo così verificare una sensazione che, anche sulla base di riscontri delle stazioni amatoriali, avevamo avuto tutti: quella di una stagione insolitamente fredda ed al contempo asciutta. Pesa certamente su questa sensazione l'eco …

Ritratto climatologico dei mesi folignati: Giugno

"Giugno che sei maturità dell'anno, di te ringrazio Dio..." Questo verso di Francesco Guccini ben si presta a presentare il primo mese dell'Estate, che anche in Valle Umbra significa, ovviamente, giornate lunghe, messi d'oro, ciliege e belle serate. In montagna, è il mese delle fioriture e dello sfalcio del fieno. Un periodo dell'anno fra i …

L’Inverno dei Cavalieri- I nodi di Maggio

In questi ultimi giorni, il tempo non è certamente quello che la nostra sensibilità mediterranea si attenderebbe dalla primavera. Sull’'Altopiano Plestino si susseguono minime vicine allo zero, in pianura temporali, poi vento e fresco. Fra il 13 ed il 16 Maggio le massime in Valle Umbra hanno raggiunto, a  stento, i 20 gradi: valori tipici …

La gelata dell’8 Maggio 1957: così muore l’antico mondo agricolo umbro

Parlando del mese di Maggio, abbiamo già detto come sia  normale, fra i giorni 5 e 9,  un breve ritorno del freddo ed un abbassamento delle temperature. Ma quello che si verificò fra il 7 ed il 9 maggio 1957 fu realmente un episodio straordinario: la più grave, anomala e dannosa ondata di gelo tardivo …

Ritratto climatologico dei mesi folignati: Maggio

Mese splendido, dalla temperatura ideale; dalle notti di infinita poesia, in cui si vorrebbe che il tempo si fermasse per sempre. Le temperature iniziano a crescere rapidamente, facendo diminuire il contrasto delle masse d’aria, europee e africane, di diverse caratteristiche e limitando così la formazione di perturbazioni. L’Anticiclone delle Azzorre inizia a fare la sua …

Ricordo di Henri Desplanques – Il geografo che ci fece scoprire l’Umbria

Venerdì 9 Aprile è stato presentato alla Biblioteca Jacobilli di Foligno il seguente volume: "Campagne umbre. Le immagini di una civiltà. Il patrimonio iconografico e l’eredità dell’opera di Henri Desplanques", a cura di David Pieroni, con contributi di Bernardino Sperandio e Maurizio Coccia (coedizione Regione Umbria – L'Officina del Fantastico). Gli autori hanno presentato il …

Ritratto meteorologico dei mesi folignati: Aprile

Iniziamo con Aprile a tratteggiare il ritratto dei mesi folignati. Lo faremo anche grazie all'aiuto di alcuni proverbi, tipici della nostra tradizione popolare. *** “D’Aprile canta lu cuccu: la matina pioe e la sera è sciucco” “D’Aprile, ‘n gocciu al dine” Se-ppioe li quattro aprilanti: quaranta dì-dduranti” E infine, trionfalmente: “D’Aprile: ‘gni goccia ‘n barile” …

Aspettando la brina. La maledizione della Valle Umbra.

Marzo 2021 si avvia a concludersi, non senza aver registrato in ben sei giornate una temperatura minima inferiore allo zero. Alla fine degli anni Sessanta del secolo scorso, il grande geografo francese Henri Desplanques, nel suo famoso volume dedicato alle campagne umbre, avvertiva che da noi la primavera delle campagne “non è la primavera dei …